Now reading
Economia: segnali di recessione; il monito di Lacy Hunt

Economia: segnali di recessione; il monito di Lacy Hunt

Fonte: Zero Hedge

“L’economia è una scienza” e oggi è più importante che mai. Intervenendo alla Strategic Investment Conference 2018, Lacy Hunt, economista e vice presidente di Hoisington Investment Management, ha spiegato che sebbene non sia precisa come la fisica o la chimica, la comprensione nel campo avanza gradualmente.

Come riporta Patrick Watson su MauldinEconomics.com, l’esperto ha poi proseguito con una panoramica della situazione economica attuale, soffermandosi su alcuni punti critici.

1 

Dal punto di vista del debito, la situazione appare molto difficile.

Citando la legge dei rendimenti decrescenti, Hunt ha dimostrato quanto sia necessario un debito sempre maggiore per far aumentare la produzione. Nel 2007, il debito globale era pari al 276% del PIL mondiale. Oggi, ha raggiunto il 327%.

Nel 2007, un dollaro di debito ha generato 37 centesimi di crescita del prodotto interno lordo. Nel 2017, solo 31 centesimi di PIL. L’offerta di moneta e il credito bancario stanno inoltre crollando e la velocità di circolazione è ai minimi dal 1949.

Hunt ha poi mostrato come un aumento delle vendite di veicoli dovuto alle calamità naturali abbia gonfiato artificialmente il PIL.

In seguito ai disastri causati dagli uragani che hanno colpito gli Stati Uniti lo scorso anno, tra 600.000 e 700.000 vetture sono andate distrutte. La sostituzione di questi veicoli si presenta nei dati economici come un aumento del PIL nel quarto trimestre. Se si sottraggono tali vendite, tuttavia, il tasso di crescita risulta di gran lunga inferiore e il valore aggiunto per l’economia risulta irrisorio.

Il balzo del prodotto interno lordo, quindi, è il frutto di una anomalia ma il trend generale resta difficile.

Hunt ha concluso il suo intervento al SIC 2018 sottolineando l’importanza della curva dei rendimenti.

Come riferimento, ha utilizzato lo spread tra i Treasury a lungo termine e i titoli a tre mesi, in calo da oltre 90 mesi. Secondo l’esperto, se ci saranno ulteriori rialzi dei tassi quest’anno – come lascia intendere la Federal Reserve – lo spread si avvicinerà allo zero e potrebbe invertirsi.

 2

“Non è importante che possa effettivamente invertirsi o meno”, ha spiegato Lacy Hunt. Ciò che è importante è che condizioni simili abbiano preceduto sei delle ultime sette recessioni.

Da Zero Hedge



Il contenuto di questo Blog non può essere riprodotto, totalmente o parzialmente, senza la previa autorizzazione della società di gestione.
Il contenuto di questo Blog viene fornito come meramente informativo e non costituisce offerta contrattuale, né una sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari, né costituisce consulenza in materia di investimenti.
Tutte le opinioni espresse sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, possono essere incomplete e potrebbero subire modifiche in qualsiasi momento senza preavviso.
Le opinioni espresse riflettono unicamente il punto di vista dell’autore.
Qualora i contenuti di questo Blog facessero riferimento a prodotti o servizi di Sofia Gestione del Patrimonio SGR S.p.A. si invitano gli utenti prima dell’adesione a leggere attentamente il prospetto e la documentazione precontrattuale resi disponibili sul sito www.sofiagp.it. Il valore dell’investimento o il rendimento possono variare al rialzo o al ribasso. Un investimento è soggetto al rischio di perdita. Rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.
Si precisa che Si declina la responsabilità per qualsivoglia opinione o consiglio esposto in questa informativa.
Sofia Gestione del Patrimonio Sgr S.p.A. si riserva, in ogni caso, il diritto di avere posizioni rispetto a qualsiasi strumento finanziario menzionato nel documento o di agire in qualità di consulenti di emittenti di tali strumenti.