Now reading
Fed: Brainard, le ragioni di una stretta della politica sono meno convincenti

Fed: Brainard, le ragioni di una stretta della politica sono meno convincenti

Fonte: Zero Hedge

Contrariamente alle attese, il discorso di Lael Brainard di ieri ha avuto un tono abbastanza “dovish”, scrive Tyler Durden su Zero Hedge.

Il blog americano riporta i principali stralci dell’intervento del membro del Fomc, nel quale, tra le altre cose, la Cina viene ancora una volta ritenuta responsabile dell’incapacità della Federal Reserve di alzare i tassi di interesse:

“Le considerazioni sull’apparente piattezza della curva di Phillips, il fatto che le aspettative di inflazione si siano indebolite e che i prezzi siano inferiori al nostro obiettivo dovrebbero essere rilevanti per le nostre decisioni politiche. In particolare, l’effetto sull’inflazione di un ulteriore inasprimento delle condizioni del mercato del lavoro è probabile che sia moderato e graduale, quindi le ragioni di una stretta della politica appaiono meno convincenti.

“Dal punto di vista della gestione del rischio, l’asimmetria delle misure di politica convenzionale mi porterebbero quindi ad aspettarmi che la politica possa essere incline a proteggersi dai rischi al ribasso relativi al rialzo dei tassi, per tutelarsi dai rischi al rialzo.

“Questa asimmetria attuale nella gestione dei rischi suggerisce prudenza nella sospensione della politica accomodante. Credo che questo approccio sia stato utile negli ultimi mesi, contribuendo a sostenere i continui progressi in materia di occupazione e inflazione. Non vedo l’ora di valutare lo sviluppo dei dati nei prossimi mesi per poter ravvisare segnali di ulteriore progresso verso i nostri obiettivi, tenendo a mente queste considerazioni.

“La Cina sta attraversando una transizione difficile da un modello di crescita basato sugli investimenti, le esportazioni e le imprese statali alimentate dal debito a una trainata dai consumi, i servizi e le imprese private dinamiche. La crescita cinese continuerà probabilmente a rallentare a causa dei costi di adeguamento di questa transizione e delle tendenze demografiche. Dal momento che la Cina ha registrato una crescita molto elevata del debito societario, questo percorso potrebbe comportare dei rischi.

“È importante sottolineare che le autorità cinesi hanno compiuto qualche passo in avanti in termini di chiarezza sulle proprie posizioni di politica e che i deflussi di capitali sono rallentati negli ultimi mesi. Persiste tuttavia una notevole incertezza e non può essere esclusa ulteriore volatilità. L’importanza della crescita cinese per la stabilità di molte economie emergenti e più in generale per i mercati mondiali implica che questi rischi hanno implicazioni globali”.

La reazione iniziale è stata quella di una corsa agli acquisti, spiega Durden, che si è tuttavia rapidamente dissipata:

fed1

Le attese di un rialzo dei tassi a settembre sono crollate dal 20% all’11%:

fed2

Da Zero Hedge

 



Il contenuto di questo Blog non può essere riprodotto, totalmente o parzialmente, senza la previa autorizzazione della società di gestione.
Il contenuto di questo Blog viene fornito come meramente informativo e non costituisce offerta contrattuale, né una sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari, né costituisce consulenza in materia di investimenti.
Tutte le opinioni espresse sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, possono essere incomplete e potrebbero subire modifiche in qualsiasi momento senza preavviso.
Le opinioni espresse riflettono unicamente il punto di vista dell’autore.
Qualora i contenuti di questo Blog facessero riferimento a prodotti o servizi di Sofia Gestione del Patrimonio SGR S.p.A. si invitano gli utenti prima dell’adesione a leggere attentamente il prospetto e la documentazione precontrattuale resi disponibili sul sito www.sofiagp.it. Il valore dell’investimento o il rendimento possono variare al rialzo o al ribasso. Un investimento è soggetto al rischio di perdita. Rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.
Si precisa che Si declina la responsabilità per qualsivoglia opinione o consiglio esposto in questa informativa.
Sofia Gestione del Patrimonio Sgr S.p.A. si riserva, in ogni caso, il diritto di avere posizioni rispetto a qualsiasi strumento finanziario menzionato nel documento o di agire in qualità di consulenti di emittenti di tali strumenti.