Now reading
Grecia: dopo 7 anni di austerity, gli ospedali diventano “zone di pericolo”

Grecia: dopo 7 anni di austerity, gli ospedali diventano “zone di pericolo”

Fonte: Zero Hedge

Non è un segreto e non sorprende che gli ospedali pubblici in Grecia siano al collasso.

Come si legge su TalkingGreece.com, i tagli di bilancio imposti con il primo accordo di salvataggio hanno influenzato la sanità. Sette anni dopo, la situazione appare addirittura peggiore e in rapido deterioramento.

gre

Fonte: Aris Messinis/AFP/Getty Images

Dopo il congelamento delle assunzioni e la mancanza di strumenti essenziali, medici e dipendenti presso gli ospedali pubblici hanno denunciato al Guardian un nuovo fenomeno: il crescente rischio di morte dovuto a infezioni ospedaliere interne.

“In nome di obiettivi di bilancio difficili, persone che avrebbero potuto sopravvivere stanno morendo”, ha riferito Michalis Giannakos, direttore della Federazione panellenica dei dipendenti ospedalieri pubblici. “I nostri ospedali sono diventati zone di pericolo”.

“Spesso, i pazienti sono sistemati su letti che non sono stati disinfettati. Il personale è così oberato di lavoro che non ha tempo neanche di lavarsi le mani e spesso non c’è comunque sapone antisettico”.

Dai dati pubblicati recentemente dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo è emerso che circa il 10% dei pazienti in Grecia rischia di sviluppare infezioni ospedaliere potenzialmente fatali e 3.000 morti sono state attribuite a questo problema.

“C’è solo un infermiere ogni 40 pazienti”, ha denunciato Giannakos, citando il caso di una donna in buone condizioni di salute che è morta il mese scorso dopo un’operazione di routine alla gamba in un ospedale pubblico a Zante. “I tagli sono così tanti che persino nei reparti di terapia intensiva abbiamo perso 150 posti letto”.

Da Zero Hedge



Il contenuto di questo Blog non può essere riprodotto, totalmente o parzialmente, senza la previa autorizzazione della società di gestione.
Il contenuto di questo Blog viene fornito come meramente informativo e non costituisce offerta contrattuale, né una sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari, né costituisce consulenza in materia di investimenti.
Tutte le opinioni espresse sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, possono essere incomplete e potrebbero subire modifiche in qualsiasi momento senza preavviso.
Le opinioni espresse riflettono unicamente il punto di vista dell’autore.
Qualora i contenuti di questo Blog facessero riferimento a prodotti o servizi di Sofia Gestione del Patrimonio SGR S.p.A. si invitano gli utenti prima dell’adesione a leggere attentamente il prospetto e la documentazione precontrattuale resi disponibili sul sito www.sofiagp.it. Il valore dell’investimento o il rendimento possono variare al rialzo o al ribasso. Un investimento è soggetto al rischio di perdita. Rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.
Si precisa che Si declina la responsabilità per qualsivoglia opinione o consiglio esposto in questa informativa.
Sofia Gestione del Patrimonio Sgr S.p.A. si riserva, in ogni caso, il diritto di avere posizioni rispetto a qualsiasi strumento finanziario menzionato nel documento o di agire in qualità di consulenti di emittenti di tali strumenti.