La view dei gestori di Sofia

Fonte: Ufficio Studi Sofia

GRAFICO DELLA SETTIMANA: Performance Stoxx600 (verde) vs. S&P500 (azzurro)

v1 

Fonte: Bloomberg

 

UN ANNO DI FTSEMIB

 v2

Fonte: Bloomberg

“Le elezioni francesi hanno fatto scattare una sorta di Sell the News di breve termine: i temi che avevano corso moltissimo si sono arenati e chi aveva comprato per tempo è passato alla cassa. È stata un’occasione per vedere un po’ di rotazione settoriale, i dati sulle scorte hanno finalmente dato respiro al segmento Oil&Energy che stava soffrendo non poco”, sottolinea Paolo Marongiu.

“Ancora poche news positive sul fronte della Reflation: la curva 10-2 in US è ferma da un mese, il rendimento decennale americano prova molto faticosamente a riagganciare quota 2,5%. Una volta che tutte le banche (specie quelle italiane) hanno riportato, peraltro molto bene, si rende necessaria una nuova impennata dei tassi per dare linfa a un settore come quello finanziario, che arriva da una bellissima corsa al rialzo con il climax legato alla rimozione del Premio
al Rischio Le Pen.

“A questo punto cerchiamo di capire se – dopo la correzione di breve – il mercato può tornare a salire già nell’immediato: ‘Sell in May’ è un detto che dal dopoguerra a oggi ha spesso portato bene agli investitori. Il quadro macro che avevamo prospettato per il 2017 proietta obiettivi positivi almeno fino a metà giugno per lo meno, poi una fase meno lineare”, conclude Marongiu.

I mercati azionari hanno vissuto una settimana di relax dopo la corsa realizzata a cavallo dell’appuntamento elettorale cisalpino”, commenta Claudio Manfrin.

 Sono proseguite le pubblicazioni societarie con esito misto e anche tali appuntamenti non hanno aiutato il mercato europeo a proseguire la marcia.

“Va avanti inoltre l’alternanza di tematiche: la settimana scorsa l’Europa ha lasciato spazio ai Paesi Emergenti ed è plausibile che i passaggi tra asset/mercati/settori continui anche nelle prossime sedute.

“Dopo il buon risultato delle elezioni francesi hanno prevalso le prese di beneficio. Complice un mercato USA abbastanza stanco, in Europa si è assistito a un movimento verso titoli più difensivi”, evidenzia Antonio Vogini.

“La recente Earning Season sta inoltre condizionando i corsi azionari dei singoli titoli. In particolare, notiamo l’elevata dispersione di risultati del settore finanziario italiano, dove a beneficiare paiono sempre più i titoli vicini ai requisiti di Coverage europei.

“Permane la debolezza della divisa USA, anche in relazione a una sostanziale stabilità dello spread fra decennale USA e tassi europei.

“Il mercato ci sembra impostato per fare segnare nuovi massimi”, conclude Vogini.

 

 



Il contenuto di questo Blog non può essere riprodotto, totalmente o parzialmente, senza la previa autorizzazione della società di gestione.
Il contenuto di questo Blog viene fornito come meramente informativo e non costituisce offerta contrattuale, né una sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari, né costituisce consulenza in materia di investimenti.
Tutte le opinioni espresse sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, possono essere incomplete e potrebbero subire modifiche in qualsiasi momento senza preavviso.
Le opinioni espresse riflettono unicamente il punto di vista dell’autore.
Qualora i contenuti di questo Blog facessero riferimento a prodotti o servizi di Sofia Gestione del Patrimonio SGR S.p.A. si invitano gli utenti prima dell’adesione a leggere attentamente il prospetto e la documentazione precontrattuale resi disponibili sul sito www.sofiagp.it. Il valore dell’investimento o il rendimento possono variare al rialzo o al ribasso. Un investimento è soggetto al rischio di perdita. Rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.
Si precisa che Si declina la responsabilità per qualsivoglia opinione o consiglio esposto in questa informativa.
Sofia Gestione del Patrimonio Sgr S.p.A. si riserva, in ogni caso, il diritto di avere posizioni rispetto a qualsiasi strumento finanziario menzionato nel documento o di agire in qualità di consulenti di emittenti di tali strumenti.