Retail: Moody’s, presto nuovi default negli Usa

Fonte: Zero Hedge

Il 2017 è stato un anno funesto per i rivenditori “Brick and mortar” che hanno ufficialmente perso la battaglia contro il colosso dell’e-commerce, Amazon. Come spiega Zero Hedge, lo scorso anno almeno 30 catene di negozi fisici statunitensi hanno presentato istanza di fallimento, confermando il monito lanciato dal CEO di Urban Outfitters secondo cui “la bolla della vendita al dettaglio è ormai esplosa”.

1

Fonte: Reorg First Day

Con i numerosi casi del 2017, le istanze di bancarotta dalla metà del 2015 passano a 50, con oltre 20 miliardi di dollari di passività.

2

Quindi è il peggio è passato per le vendite al dettaglio o il comparto è sull’orlo di un precipizio?

Secondo l’ultimo rapporto di Moody’s sul settore retail, almeno sei emittenti risulteranno inadempienti nei prossimi 12 mesi, di cui la maggior nel primo semestre.

Secondo l’agenzia di rating, il quadro è destinato a peggiorare con l’aumento del debito in scadenza nel 2019.

Gli emittenti del gruppo Ca-Caa1 dovranno fare i conti con scadenze pubbliche e private per 14,9 miliardi dal 2018 al 2020, come mostra il Grafico 1. La maggior parte di queste scadenze (Grafico 2) è attribuibile a soli cinque emittenti:

  • Sears Holdings Corp. (Ca negativo),
  • Neiman Marcus Group LTD LLC (Caa2 negativo)
  • Claire’s Stores, Inc. (Ca negativo),
  • BI-LO Holding Finance (Caa1)
  • Guitar Center Inc. (Caa1 negativo).

3

Nel complesso, le caratteristiche quantitative dei 20 emittenti in difficoltà nell’universo Caa/Ca di Moody’s sono presentate nella tabella di seguito. Il rapporto debito/EBITDA per gli emittenti Caa è di 6-8 volte e il range EBIT/interesse di 0,5-1 volte. Per la categoria Ca i coefficienti sono rispettivamente superiore a 8x e inferiore a 0,5x.

4

Nella tabella seguente sono elencate le prossime scadenze per ciascun emittente del settore retail Usa. Dopo il fallimento di Toys “R” Us, per la maggior parte dei rivenditori al dettaglio, al di là di una manciata di grandi nomi del segmento online, la situazione non sembra destinata a migliorare.

5

Da Zero Hedge



Il contenuto di questo Blog non può essere riprodotto, totalmente o parzialmente, senza la previa autorizzazione della società di gestione.
Il contenuto di questo Blog viene fornito come meramente informativo e non costituisce offerta contrattuale, né una sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari, né costituisce consulenza in materia di investimenti.
Tutte le opinioni espresse sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, possono essere incomplete e potrebbero subire modifiche in qualsiasi momento senza preavviso.
Le opinioni espresse riflettono unicamente il punto di vista dell’autore.
Qualora i contenuti di questo Blog facessero riferimento a prodotti o servizi di Sofia Gestione del Patrimonio SGR S.p.A. si invitano gli utenti prima dell’adesione a leggere attentamente il prospetto e la documentazione precontrattuale resi disponibili sul sito www.sofiagp.it. Il valore dell’investimento o il rendimento possono variare al rialzo o al ribasso. Un investimento è soggetto al rischio di perdita. Rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.
Si precisa che Si declina la responsabilità per qualsivoglia opinione o consiglio esposto in questa informativa.
Sofia Gestione del Patrimonio Sgr S.p.A. si riserva, in ogni caso, il diritto di avere posizioni rispetto a qualsiasi strumento finanziario menzionato nel documento o di agire in qualità di consulenti di emittenti di tali strumenti.