Now reading
Trimestrali Usa: gli investitori dovrebbero preoccuparsi?

Trimestrali Usa: gli investitori dovrebbero preoccuparsi?

Fonte: Advisor Perspectives

Le aziende americane hanno riportato utili straordinari nel primo trimestre dell’anno. Alcuni investitori sospettano che la crescita dei profitti si sia stabilizzata, spiega James T. Tierney, Jr. di AllianceBernstein. La ricerca degli analisti suggerisce tuttavia che il rallentamento della crescita degli utili non significa nulla dal punto di vista dei corsi azionari.

La stagione delle trimestrali Usa volge al termine e al 10 maggio, il 91% delle aziende dell’S&P 500 hanno pubblicato i conti. In media, gli utili hanno visto un miglioramento del 26%, ma fino alla scorsa settimana, i corsi azionari hanno ignorato i risultati positivi.

1

Crescita degli utili: una falsa pista

Gli investitori temono che la crescita degli utili abbia raggiunto il picco. Secondo AllianceBernstein, si tratta tuttavia di una falsa pista. Le ricerche mostrano che dopo i tre precedenti picchi del tasso di crescita degli utili Usa dal 1994, le azioni hanno continuato a salire per diversi anni (grafico in alto). Questo perché anche quando il tasso di crescita degli utili rallenta, il livello assoluto dei profitti aziendali continua ad aumentare per un lungo periodo. Infatti, quando la crescita degli utili è stata inferiore al 10% l’anno, l’indice S&P 500 ha guadagnato in media il 9,4% l’anno:

2

Sì, è probabile che la crescita degli utili rallenti. Secondo le stime del consenso, diminuirà al 24% nel quarto trimestre e poi a circa il 10% nel 2019. Ma nonostante il forte rallentamento del tasso di crescita, il livello assoluto degli utili annualizzati sarà comunque di circa 185 dollari nel quarto trimestre del 2019 rispetto ai 148 attuali, pari a un aumento del 25% nei prossimi 20 mesi. Questi dati implicano un interessante multiplo di 14,5 volte gli utili del quarto trimestre 2019 per l’S&P 500, rispetto alle 18,2 volte i profitti del primo trimestre di quest’anno.

I segnali di vitalità dovrebbero sostenere le azioni

Sicuramente, occorre considerare alcuni rischi reali e la storia potrebbe non ripetersi. I precedenti picchi degli utili si sono verificati all’inizio del ciclo economico. Oggi, l’economia americana è al nono anno di ripresa e anche le aziende hanno incrementato i profitti per nove anni consecutivi.

I segnali di vitalità economica degli Stati Uniti e globali sono ancora robusti, e dovrebbero sostenere l’azionario secondo gli esperti. Meglio quindi non prestare troppa attenzione al tasso di crescita degli utili, ma cercare società con fondamentali solidi e modelli di business resilienti che possano favorire profitti a lungo termine e rendimenti azionari, anche se l’andamento dei profitti inizia a rallentare.

Da Advisor Perspectives



Il contenuto di questo Blog non può essere riprodotto, totalmente o parzialmente, senza la previa autorizzazione della società di gestione.
Il contenuto di questo Blog viene fornito come meramente informativo e non costituisce offerta contrattuale, né una sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari, né costituisce consulenza in materia di investimenti.
Tutte le opinioni espresse sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, possono essere incomplete e potrebbero subire modifiche in qualsiasi momento senza preavviso.
Le opinioni espresse riflettono unicamente il punto di vista dell’autore.
Qualora i contenuti di questo Blog facessero riferimento a prodotti o servizi di Sofia Gestione del Patrimonio SGR S.p.A. si invitano gli utenti prima dell’adesione a leggere attentamente il prospetto e la documentazione precontrattuale resi disponibili sul sito www.sofiagp.it. Il valore dell’investimento o il rendimento possono variare al rialzo o al ribasso. Un investimento è soggetto al rischio di perdita. Rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.
Si precisa che Si declina la responsabilità per qualsivoglia opinione o consiglio esposto in questa informativa.
Sofia Gestione del Patrimonio Sgr S.p.A. si riserva, in ogni caso, il diritto di avere posizioni rispetto a qualsiasi strumento finanziario menzionato nel documento o di agire in qualità di consulenti di emittenti di tali strumenti.