Usa: il debito salirà a 30 tln usd nel 2028

Fonte: Zero Hedge

Nel 2011, Standard & Poor’s ha sconvolto il mondo intero e, soprattutto, l’amministrazione Obama, strappando per la prima volta agli Stati Uniti la prestigiosa tripla A.

Come ha riportato Zero Hedge la scorsa settimana, con gli Stati Uniti sull’orlo di un nuovo shutdown e la provvisoria sospensione del tetto del debito, a quasi sette anni di distanza è stata Moody’s ad aver avvertito Donald Trump del rischio di un nuovo downgrade.

La ragione è legata alle politiche fiscali aggressive del governo, che potrebbero far sprofondare gli Stati Uniti ancor più nell’insolvenza, allargando il deficit di bilancio e portando di conseguenza a un “significativo deterioramento fiscale”.

1

Fonte grafici: Zero Hedge

In poche parole, sintetizza il blog americano, un downgrade degli Usa dovuto alla Trumponomics è inevitabile. D’altronde, l’estensione del debt ceiling di due anni decisa venerdì significa che il debito totale degli Stati Uniti raggiungerà quasi quota 21 trilioni di dollari.

Si tratta inoltre di un fardello destinato ad aumentare: la proposta di bilancio della Casa Bianca resa nota ieri non fa che fornire a Moody’s un motivo in più per bocciare gli Stati Uniti dal momento che, secondo le previsioni, il debito totale dovrebbe salire dai 20,5 trilioni di dollari attuali ai massimi storici di 29,9 trilioni nel 2028.

2

Come mostra il grafico seguente, il debito Usa sotto l’amministrazione Trump è visto in aumento di oltre 1 trilione di dollari nei prossimi 5 anni, fino al 2022, e successivamente in graduale rallentamento a +352 miliardi annui nel 2028.

 3

La buona notizia, secondo Zero Hedge, è che la proposta del presidente repubblicano, che prevede una maggiore spesa sul fronte militare e dell’immigrazione e abbandona l’obiettivo di pareggio del bilancio per un decennio, dovrebbe essere ignorata dal Congresso. Ciò che non è noto è quale sarà l’alternativa proposta, e a quanto ammonterà il debito totale nel 2028.

Per ora, il decennale statunitense non sembra particolarmente preoccupato, anche se appare ormai certo che il debito totale sarà 10 anni sostanzialmente più elevato di quanto previsto dall’amministrazione Usa.

Da Zero Hedge



Il contenuto di questo Blog non può essere riprodotto, totalmente o parzialmente, senza la previa autorizzazione della società di gestione.
Il contenuto di questo Blog viene fornito come meramente informativo e non costituisce offerta contrattuale, né una sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari, né costituisce consulenza in materia di investimenti.
Tutte le opinioni espresse sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, possono essere incomplete e potrebbero subire modifiche in qualsiasi momento senza preavviso.
Le opinioni espresse riflettono unicamente il punto di vista dell’autore.
Qualora i contenuti di questo Blog facessero riferimento a prodotti o servizi di Sofia Gestione del Patrimonio SGR S.p.A. si invitano gli utenti prima dell’adesione a leggere attentamente il prospetto e la documentazione precontrattuale resi disponibili sul sito www.sofiagp.it. Il valore dell’investimento o il rendimento possono variare al rialzo o al ribasso. Un investimento è soggetto al rischio di perdita. Rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.
Si precisa che Si declina la responsabilità per qualsivoglia opinione o consiglio esposto in questa informativa.
Sofia Gestione del Patrimonio Sgr S.p.A. si riserva, in ogni caso, il diritto di avere posizioni rispetto a qualsiasi strumento finanziario menzionato nel documento o di agire in qualità di consulenti di emittenti di tali strumenti.